....... LA VOCE DELL'ANTICA PIETRA VINCE IL SILENZIO DEI SECOLI …..

Notizie & Attualità

 

 

 

Dicembre 2022

In ricordo dell’ Assessore Giuseppe Vannucchi .... (di Maurizio Bini)

 

Ci  ritroviamo qui, su questa pagina, a commemorare un eroe della cultura pratese, un personaggio che pur ricoprendo la carica di assessore, e quindi avendo quotidianamente a che fare con la politica, per tutta la durata del suo mandato non è mai sceso a compromessi, in un epoca in cui il compromesso politico era, come è ancora, all’ordine del giorno.

Mi ricorderò sempre delle battaglie da lui combattute per salvare la città etrusca di Gonfienti dalla cementificazione selvaggia, dei  nostri  incontri in assessorato, delle nostre visite al sito archeologico che stava venendo alla luce, delle nostre partecipazioni a eventi promossi per far conoscere alla cittadinanza la realtà etrusca pratese …

Lo voglio ricordare così, come un vero combattente della Cultura, che ha sempre dato il meglio di sé affinchè  la bellezza, che è patrimonio di tutti, sia veramente alla portata di ognuno di noi, che possa essere in ogni momento oggetto della nostra ammirazione, senza impedimenti.

Per rappresentare al meglio la sua idea della Cultura, e l’insegnamento che ha voluto lasciare a noi, voglio riportare qui di seguito alcune sue citazioni che sono rimaste impresse nella mia mente in modo indelebile:


-          Cultura di vivacità non è soltanto intrattenimento

-          Cultura sono gli stessi suoi muri, i ricordi, i progetti arditi verso il futuro, la sua spiritualità

-          Cultura è partire per lunghi viaggi a diffondere il proprio lavoro, o arrivare qui da terre lontane per trovare lavoro

-          Cultura sono ampi spazi di libertà per i nostri ragazzi e strumenti per diventare qualcuno

-          Cultura è cercare consenso sui valori comuni di bellezza, di lealtà, di grandezza

-          Cultura è garantire a tutti una volta tanto il diritto alla felicità

 

Concludiamo dicendo che insieme a questa persona abbiamo condiviso, e ci siamo persi, in un sogno; allora eravamo giovani, impavidi e fieri.

Rimane un bel ricordo che nessuno può cancellare, ma che va difeso dall’usura del tempo, e da tramandare con profonda passione.

 

Adesso però vince la commozione ….

 

Si è spenta una luce

 

Ciao  Assessore